Cosa faremo nel 2015

L’attività di Wikitalia, nel resto del 2015 si concentrerà probabilmente su un paio di progetti, uno sulla collaborazione su piccola scala (comunale) tra cittadini e istituzioni, e uno sui beni culturali.

Uno sguardo veloce veloce a quello fatto negli anni scorsi

  • abbiamo aiutato due città, Firenze e Matera, a sviluppare le rispettive politiche di Open Data;
  • dopo il terremoto in Emilia Romagna, Wikitalia ha collaborato con l’amministrazione regionale emiliana per montare una dashboard dei lavori di ricostruzione e dei relativi finanziamenti e donazioni, openricostruzione;
  • ispirandoci a un’analoga iniziativa promossa nel Regno Unito, abbiamo ideato e realizzato un grande progetto per la diffusione della cultura digitale nel nostro Paese e lo abbiamo chiamato GoOnItalia. Abbiamo quindi organizzato in Friuli Venezia Giulia e in Basilicata, una serie impressionante di eventi di alfabetizzazione digitale (112 per Go On FVG e 148 per Go On Bas!) sul territorio concentrandoli simultaneamente in quelli che abbiamo chiamato “D-Day”, dedicati a PA, studenti, over 54 e piccoli e medi imprenditori;
  • abbiamo realizzato OpenExpo, il progetto di dati aperti di EXPO2015;
  • Partecipiamo al consorzio del progetto europeo CATALYST, insieme a ricercatori del MIT, di Open University, di Purpose e altri. In questo contesto Wikitalia ha realizzato Edgesense, un software per l’analisi di rete in tempo reale delle comunità online;
  • Wikitalia ha organizzato sotto la guida di Riccardo Luna, il TEDxPompeii, insieme alla Soprintendenza archeologica di Pompei, alla direzione generale del Grande progetto Pompei, e a Studiare Sviluppo. Il TEDxPompeii, che si è svolto nel Teatro Grande della Pompeii romana, è stato un evento di straordinario interesse scientifico e sociale dedicato all’innovazione, che ha visto la partecipazione di un parterre di speaker d’eccezione tra cui spiccano il paleontologo e giornalista Alberto Angela, lo scrittore Roberto Saviano, la cantante Malika Ayane, il regista teatrale e trasformista Arturo Brachetti, la virologa Ilaria Capua, lo scienziato italiano Gastone Garziera tra gli inventori del primo prototipo di personal computer “P101″.

Rispondi