• e-privacy 2012

    Il 21 e il 22 Luglio prossimo si terrà a Milano, presso la sede dell’Università Statale, il convegno “e-privacy” 2012, organizzato dal Progetto Winston Smith. I temi affrontati saranno numerosi e il tema della privacy sarà analizzato nelle sue differenti declinazioni dai maggiori esperti italiani del settore. Tra le varie sezioni che il programma prevede, ne segnaliamo due: “La privacy nelle città e nelle amministrazioni del futuro” e “Privacy, e-government, open data e trasparenza”.

  • How digital is Italy?

    Mentre siamo in attesa che il Governo definisca e approvi il decreto Digitalia, la Commissione Europa ha pubblicato il “Digital Agenda Scoreboard”, una classifica dei paesi membri dell’Unione a 27 che misura il grado di digitalizzazione di ciascuna nazione.
    il nostro Paese è indietro soprattutto per utilizzo dei servizi di e-gevernment da parte dei cittadini (mentre siamo tra i primi per la loro disponibilità on line) e per il ricorso all’e-commerce. Siamo tra i primi invece per il volume di investimenti nel settore della telefonia mobile. Ancora ritardi sulla diffusione della banda larga da dispositivi fissi e sugli investimenti per la ricerca.  Per accedere a tutte le statistiche si può consultare il sito relativo alla Digital Agenda della Commissione Europea. Tra i commenti, segnaliamo un articolo del “Corriere delle Comunicazioni” e un pezzo su “Euractive“.

  • Al via i Forum Territoriali 2012

    Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca ed il Dipartimento per la digitalizzazione della PA, con la collaborazione di FORUM PA presentano i Forum Territoriali 2012. Tre appuntamenti in altrettante regioni dell’Obiettivo convergenza per avviare un confronto tra governo e territorio sui temi della digitalizzazione e per impostare un perscorso di “regionalizzazione dell’agenda digitale nazionale. Primo appuntamento il 28 giugno in Campania, a seguire Sicilia e Puglia. Per maggiori informazioni e per iscriversi al primo degli eventi, consultare il sito di ForumPA.

     

  • Vademecum per le smart cities

    Quali sono le caratteristiche che una città deve possedere per essere definita smart? E su quali fattori si deve puntare per uno sviluppo “intelligente” del territorio? Perché Amsterdam e New York costituiscono due casi d’eccellenza? Nello Iacono, Vicepresidente degli Stati Generali dell’Innovazione, affronta questi temi in un articolo per “e-gov news” in cui, con l’ausilio di alcuni esperti, propone  un vademecum per le smart cities e le smart communities.

  • Smart Cities al Sud

    Il tema delle città intelligenti è una delle sei aree sulle quali è al lavoro la cabina di regia sull’Agenda Digitale (le altre: le infrastrutture, il commercio elettronico, la scuola, l’educazione dei cittadini, le pubbliche amministrazioni), ma è anche al centro di un piano di investimenti europeo nelle regioni meridionali dell’Obiettivo Convergenza per il rilancio del Mezzogiorno. Scopo di questi investimenti, ha annunciato il Ministro Francesco Profumo, è la trasformazione dei centri urbani di media dimensione in smart cities entro il 2020, nell’ambito del Piano strategico per le Tecnologie Energetiche. Per approfondimenti: Raffaella Natale su Key4biz.