L’accesso alla rete, a Internet, è un diritto che deve essere garantito a tutti,  in modo libero e senza limiti. Questo è l’assunto di base che ha portato il Consiglio regionale del Piemonte a emanare la legge regionale 5/2011, dal titolo “Interventi a sostegno della realizzazione di servizi di accesso WiFi gratuiti e aperti”, approvata all’unanimità da tutta l’Assemblea piemontese. Fabio Malagnino, giornalista del Consiglio regionale del Piemonte e nuovo socio di wikitalia, racconta in un articolo per “Che Futuro!” quali sono le innovazioni introdotte dalla legge, sia di merito (una di queste è il superamento definitivo degli obblighi di autenticazione previsti dalla cosiddetta legge Pisanu), sia di metodo. E ci dice anche come dal lavoro per la definizione di questa legge si è giunti alla costituzione di Torino Digitale, un’associazione di scopo che mette competenze e relazioni a disposizione dell’amministrazione pubblica della città e della regione piemontese.